DONNE PER LE DONNE: un Service distintivo

DONNE PER LE DONNE: un Service distintivo

27 Giugno, 2021 Non attivi Di md@lalli.biz

Nella Conviviale del 6 giugno del Lions Club Venezia Host che ha visto la partecipazione di tanti soci del Club e di altri Club si è svolta un’asta di beneficienza alla quale hanno partecipato tutti i presenti con molto interesse ed entusiasmo. L’asta è inserita all’interno del Service a supporto della Casa Famiglia San Pio X della Giudecca, che il Lions Club Venezia Host sostiene. In questa Casa Famiglia al momento sono ospitati 13 nuclei familiari composti da mamma e bambino/i oggetto di abusi e maltrattamenti. Una seconda casa verrà aperta a settembre in terraferma.

La Presidente ha sottolineato il valore e l’importanza di questo Service che incarna bene lo spirito lionistico: l’opportunità di mettersi a diposizione delle persone vulnerabili e la capacità di creare iniziative per raccogliere fondi per sostenere situazioni di svantaggio e di disagio.

Il Service “Donne per le donne” nasce grazie a una idea del Club del Ricamo di Mestre. Nato con finalità ludiche e ricreative, il Club si propone di insegnare l’antica arte del ricamo (punto croce, Kogin, orlo a giorno, punto antico, punto crivo ecc.ecc.) a donne che abbiano voglia di impararlo: un modo per stare insieme, condividendo una pratica e un’arte.

Le donne del Club, la scorsa estate, hanno deciso di fare qualcosa per aiutarne delle altre molto più bisognose, proponendo il Service “Donne per le Donne”: sono stati acquistati materiali (materia prima, cornici) e sono state condivise ore di manodopera a titolo gratuito. Paola Franchini, Luisa Montagner,Anna Baraldi, Cristina Guarin, Stefania Matterazzo, Anna Di Sanzio, Concetta Marcialis, Franca Bogatai, Daniela Boscaro, Gabriella Fiori, le due maestre Annalisa Bonfio e Sandra Bessegato, e Lucia Righetti in qualità di coordinatrice, hanno partecipato volontariamente ed entusiasticamente al progetto.

Sono stati realizzati un centinaio di lavori fra asciugamani, canovacci, tovaglie, ferma carte, quadretti e due quadri di grandi dimensioni. I due quadri, per i quali soni stati necessari un mese di lavoro per il più piccolo e due mesi e mezzo per il più grande, sono stati battuti all’asta mentre gli altri oggetti sono stati oggetto di una pesca di beneficenza.

Grazie all’asta sono stati raccolti 2.220 euro che saranno devoluti interamente alla Casa Famiglia San Pio X che, con l’apertura della nuova sede, necessita di ulteriore sostegno e supporto.