26 novembre 2018 – LA NAVIGAZIONE NELLA LAGUNA DI VENEZIA NEL PROSSIMO FUTURO

26 novembre 2018 – LA NAVIGAZIONE NELLA LAGUNA DI VENEZIA NEL PROSSIMO FUTURO

Novembre 27, 2018 Non attivi Di md@lalli.biz
PRESENTAZIONE
Notaio Avv. Pierpaolo Doria, Presidente Lions Club Venezia Host
RELATORI
Dr. Ing. Giovanni Cecconi, direttore Laboratorio di Resilienza a Venezia (Venice Resilience Lab)
“Qualità dell’aria in Europa e a Venezia e i danni ambientali a causa del traffico acqueo”
Rag. Gianni Darai, esperto di motonautica (già più volte Campione italiano)
“Stato dell’arte sulla navigazione ecosostenibile”
Com.te Piero Tosi, imprenditore e ambasciatore di Venezia nel mondo per la nautica ecosostenibile
“La mia esperienza di navigazione lagunare sostenibile”
Dott.ssa Alessandra Tosi, “Società il Sestante di Venezia”, una cooperativa che dal 1998 si occupa di escursioni naturalistiche, ecosostenibili e progetti educativi nelle scuole relativamente alla laguna di Venezia
Dott. Paolo Stefani, coordinatore evento e consigliere Lions Club Venezia Host
In una gremita Sala Tommaseo dell’Ateneo Veneto, il presidente Doria introduce il convegno richiamando la storia del Club e il suo ruolo nella vita sociale e culturale della città.
Illustra quindi il tema che nel corso dell’anno il Club intende approfondire, “Venezia oltre la monocultura turistica di massa, chi saranno i prossimi veneziani?”.
Tale programma verrà svolto analizzando le principali attività che caratterizzano la realtà veneziana ed evidenziandone la situazione attuale e le relative possibilità di sviluppo che possono diventare opportunità per i prossimi veneziani.
Il convegno di questa giornata è dedicato ai temi della navigazione ed alle soluzioni che si possono adottare per ovviare ai problemi che ogni giorno si riscontrano in termini di inquinamento e di moto ondoso.
Seguiranno altri incontri sui temi del vetro, della cantieristica, della conservazione dei beni artistici e, non ultimo, della scuola a cui il Club ha sempre dedicato un’attenzione particolare.
Nell’auspicio che il programma possa contribuire ad individuare le giuste opportunità per i nostri giovani che vogliano rivitalizzare la nostra città, il Presidente introduce il primo relatore.
Cecconi nel suo intervento denuncia una situazione disastrosa sullo stato della laguna e dell’inquinamento atmosferico.
La sfida consiste nel trasformare una negatività in opportunità e risorsa, secondo il principio della resilienza, non solo per la salute ambientale ma anche per la creazione di posti di lavoro.
L’argomento viene approfondito dai due relatori successivi, Darai e Tosi.
Il primo mostra con numerose diapositive quanto è stato fatto in altre nazioni, come Olanda e Svezia, che hanno dotato di motori elettrici mezzi nautici di grandi dimensioni come ferryboat e motonavi.
Il secondo presenta nuovi mezzi nautici, in parte sperimentali, operanti in laguna e motorizzati anche elettricamente, come ad es. alcune imbarcazioni di Alilaguna e prototipi di mototopo del cantiere “Agostino Amadi”. A Venezia i nuovi mezzi, elettrici e ibridi, sono rimasti allo stato sperimentale perchè non esistono ancora degli incentivi che rendano conveniente la sostituzione dei vecchi. Eppure sarebbe conveniente anche per la Pubblica Amministrazione trasferire parte delle risorse da un settore (manutenzione di rive, fondamenta di palazzi, monumenti lapidei attaccati dall’inquinamento atmosferico) ad un’altro (mezzi nautici) per ottenere un risultato non solo a costo zero, ma a saldo decisamente positivo.
In questo contesto Alessandra Tosi propone che nelle scuole si educhi la gioventù all’importanza della consapevolezza del presente e della progettazione del futuro.
Nell’intervento conclusivo Stefani suggerisce che la Pubblica Amministrazione proponga degli incentivi, mirati inizialmente alla sostituzione dei mezzi di trasporto privati e successivamente di quelli pubblici.
La visibilità mondiale di chi inizierà a trasformare Venezia da città inquinata a città “green” sarebbe straordinaria e utile per tutti.
Possiamo pertanto guardare al futuro con un sano e fondato ottimismo!

 

Condividi con noi: